Il cancro nella medicina ermetica e spagyrica

Come tutte le patologie, anche le neoplasie possono essere spiegate e interpretate nella medicina spagyrico-ermetica come il difetto o l’azione squilibrata dei sette principi archetipali che sono a fondamento della complessione umana.


sept_nuances_2I princìpi Archetipali da cui dipendono le corrispondenti funzioni corporee e i vari Individui vegetali suscettibili di azione risanatrice sono dunque (almeno) quattro. Rapporti disarmonici fra queste funzioni, così come l’espressione squilibrata di uno solo di questi, può inclinare verso l’insorgere di patologie neoplastiche.
imputabili a quattro possibili funzioni (delle sette del Settenario naturale); siamo debitori di questa teoria al dott. Angelo Angelini, dotto cultore  delle applicazione mediche della Spagyria. In realtà, fa notare il dott. Angelini, ciò è piuttosto raro dato che la maggior parte delle patologie possono essere ricondotte in genere ad una, massimo due funzioni “compromesse” o alterate. Questa “ampia piattaforma”  che funge da base per le neoplasie è perfettamente in sintonia col fatto che la stessa medicina convenzionale attribuisce al cancro un’eziologia multifattoriale.Questa è la spiegazione, io credo, su un piano più sottile e profondo, anche della grande ‘variabilità’ morfo-funzionale fra i vari tipi di neoplasie.

I quattro Archetipi coinvolti sono:

  • Principio Venusino.

AN00188290_001_lVenere è la funzione archetipica dell’Eros cosmico che avvince le cose difformi, di diversa polarità. E’ l’attrazione cosmica reciproca fra l’Alto e il Basso, fra i due poli, fra lo Spirito e la Materia. Venere o Afrodite Urania (celeste) è la Sophia divina, la discesa o “presenza” del divino nella manifestazione. Da un punto di vista superiore l’azione dell’ Afrodite celeste è quella di portare il Bello che è in alto, anche in basso,  la Bellezza e la Verità iper-urania, così come l’ Armonia delle Sfere, nel mondo sublunare. E’ la Luce dell’Intelligenza che illumina la Materia. Se questo principio è leso in un qualsiasi ente, il “matrimonio” fra Materia e Spirito non è perfetto; il flusso allora tra i due mondi si interrompe e l’unione è incompleta. Venere incarna infatti anche il principio di Armonia. Può essere sotto il prevalere dei due Malefici, Saturno e Marte, che questa sofferenza venusina si manifesta. Allora la cupezza plumbea saturnina, il prevalere della materia, soffoca l’azione armonizzatrice di Venere, oppure essa è eccitata e agitata oltre misura dall’esplosività marziale.

  • Principio Gioviano

AN00188296_001_l“Giove” è la funzione regolatrice dell’ equilibrio e dello sviluppo regolare, proprio come il Sommo padre degli dei rappresentava la massima autorità garante dei corretti rapporti e della giustizia. Giove è anche “magnanimo” e questa virtù si correla alla caratteristica espansiva delle forze gioviane. Tutti i processi espansivi e accrescitivi rappresentano una manifestazione in atto dell’archetipo “planetario” di Giove. E’ dunque facile sotto entrambi i profili riconoscere l’implicazione di questo essenziale principio nelle patologie neoplastiche. In primo luogo il cancro essendo la massima espressione del processo degenerativo è un evidente segno di carenze di controllo da parte delle forze animiche ed energetiche che dovrebbero essere garanti dell’ordine, kosmos, nell’essere umano. D’altra parte, anche la natura espansiva e proliferativa del cancro rimanda all’espressione non equilibrata di una forza gioviana in eccesso e in disarmonia. Il lato negativo rappresentato dall’incontrollata prodigalità di Giove trova la sua espressione in una crescita abnorme e non finalizzata. Si vedrà così che il principio gioviano, sia che si trovi in difetto sia che si manifesti in modo eccessivo e squilibrato è potenzialmente coinvolto in questo processo secondo due modalità opposte e complementari.

  • Principio Saturnino

AN00188287_001_lSaturno governa i processi di cristallizzazione. E’anche la discesa della Spirito nella Materia, l’estremo limite di un processo di corporificazione ed incarnazione. La sua spinta centripeta mal si accorda con la natura espansiva neoplastica. Semmai esso tende a dar corpo ai processi di sclerosi che come ci insegna la medicina antroposofica sono all’estremo opposto rispetto alla degenerazione tumorale. Al contrario l’austero Saturno serve anche a bilanciare gli eccessi eventuali dell’espansività gioviana. Sarà più probabile che sia dalla carenza o debolezza delle forze saturnine che possa emergere un processo di cancerogenesi. Se tale principio è carente rimane qualcosa di “fluido” di incompleto. Sul piano psicosomatico queste carenze si manifestano come inconcludenza e  incapacità di concretizzare. Le forze di natura più calda come Giove, Sole e Marte con la loro spinta centrifuga si oppongono alle tendenze coagulative saturnine. Maggiormente frequenti sarebbero, in questa prospettiva, le neoplasie che interessano il sistema osseo, massima espressione dell’archetipo saturnino nel corpo. In termini, invece, di astrologia medica, le responsabilità di Saturno sono maggiormente da considerarsi in ragione del fatto che una sua cattiva relazione con altri pianeti può portarli in afflizione e dunque in questo caso l’esito potrebbe essere a favore di un processo neoplastico. Si tratta però dell’azione astrologica di Saturno in quanto anereto, e non in relazione alla funzione fisiologica e naturale di questo archetipo nella complessione umana.

  • Principio Solare

AN00188303_001_lLa neoplasia “solare” può essere correlata nell’individuo ad un cedere drastico del principio vitale (Sol), ma anche ad una carenza di “centralità”,  rappresentata dallo stesso Sole.  Dato interessante è che spesso in psicosomatica  si correla proprio a questo particolare aspetto il fenomeno del cancro. Quando il “centro di gravità” dell’individuo è assente o mal espresso o non riconosciuto, la spinta al rinnovamento e alla rigenerazione è continua ma mancando un punto di raccordo che le dia coerenza e centralità, queste tendenze si disperderanno in un processo vano. In mancanza di un nucleo centrale intorno a cui disporsi le forze vitali assumono un andamento caotico, privo di possibilità reale di edificazione. Il tutto procederà prima dal piano mentale/animico per passare a quelle energetico ed eterico, e infine al fisico in senso stretto, e in questa ultima tappa si avrà l’insorgenza effettiva dalla malattia neoplastica.

 

 

Nota bibliografica

Una parte dell’articolo è frutto di una mia elaborazione. Per il resto l’idea di fondo è tratta da un insegnamento dello studioso di spagyria dott. Angelini.  Cfr. Angelo Angelini, Il Serto di Iside, vol.2, pagg. 129-132, edizioni Kemi.

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Aurora Libero ha detto:

    Buonasera, mi ritrovo a leggere finalmente qualcosa di interessante, rispondo qua ma complimenti per gli altri articoli. Stavo pensando che Angelini abbia dato una giusta indicazione. Le quattro forze in disarmonia ci stanno, forse non simultaneamente ma consequenzialmente, e, questo punto, io non le vedrei fisse in Venere, Giove, Saturno e Sole. Possono essere chiamate in causa tutte e 7, per motivi diversi. Saturno e Venere in posizioni buone (specialmente entrambe in Bilancia) sono protettive per lo stato di salute. Ognuno di questi geni planetari ha un suo peso: se c’è la presenza di un tumore di tipo luesinico, con distruzione e lisi di tessuto, tipico dei conflitti hameriani di corteccia, per intenderci, io vedo l’entrata in scena di Marte, della sua azione catabolica e distruttiva più che quella accrescitiva, sicotica di Giove, che forse entra in scena nella fase ricostitutiva. La Luna ha a che fare con la gestione della bifasicità, insieme a Giove, ed è passaggio obbligato al verificarsi delle cose; Senza contare che ognuna delle 7 forze presiede degli organi e delle ghiandole endocrine di sua competenza, che giocano un ruolo attivo negli assi ormonali che si attivano durante le fasi di malattia. Giove orchestra tutti, se malfunzionante la sua direzione sugli altri sarà alterata, la sua espressione di “padre” degli altri dei verrà meno, mancherà un riferimento, idem problemi legati all’accrescimento; il Sole è coscienza e vitalità, e può fare la differenza sulla visione di quanto ci accade (a livello di coscienza) e delle nostre reazioni; Venere mal messa non armonizza il lavoro degli altri 6, tenendo a mente la legge della quinta musicale, venusina, che porta risonanza e armonia; Saturno può “castrare” gli altri 6, facendo da impedimento, oltre che sclerotizzando e permettendo i processi di caseificazione e depurazione (coagula ma solve anche); Mercurio non passa o passa male le comunicazioni. Se pensiamo alle dodecatemorie, c’è un bel lavoro da fare…. Grazie.

  2. Asclepio ha detto:

    Hai ragione, volendo il discorso può essere allargato ed esteso. Angelini in effetti si sofferma su quelle quattro funzioni particolari, ritenendole più “significative” (magari dal punto di vista delle sue esperienze e riflessioni, che ovviamente non possono essere esaustive). Come saprai anche in medicina astrologica alcuni aspetti sono più significativi d altri nel determinare una malattia, il che però non esclude il “tutto” ( o che in fondo tutte le forze presenti nel sistema, in una particolare casistica, possano acquisire un certo peso eziologico in processo di malattia). Spesso si deve semplificare o si tende a semplificare: in certi casi ciò è giustificato, in altri meno. Ad esempio Rudiger Dalkhe nella sua psicosomatica prende come forze archetipiche (in generale, non sol per il cancro) solo tre principi: Venere, Marte, Saturno!
    …non ho mai capito il perché di questa restrizione, che mi sembra del tutto forzata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...